alimentazione dello sportivo

L’Alimentazione dello Sportivo: la dieta ideale per atleti

L’obiettivo di atleti e sportivi, sia agonistici che non, è di migliorare le loro prestazioni. A questo scopo si affrontano, quindi, allenamenti ed esercizi che sottopongono i muscoli a condizioni di stress.

Per sostenere i vari carichi di allenamento e per ottenere dal proprio corpo le risposte migliori occorre nutrirsi adeguatamente. L’alimentazione fornisce, infatti, l’energia utile a sostenere lo sforzo fisico e le proteine necessarie al recupero muscolare e alla sua “costruzione”. Eccedere nella quantità di carboidrati (per fornire energia) o proteine (per il recupero muscolare o l’aumento della massa muscolare) non è mai una strategia utile a raggiungere l’obiettivo, ma solo dannosa per l’organismo.

Oltre a ciò, alimentarsi correttamente, per uno sportivo, significa fornire al corpo le giuste quantità di vitamine e sali minerali, necessarie alle cellule per il corretto svolgimento delle reazioni biochimiche.

Le correnti di pensiero sono tante e numerosi sono i modelli alimentari proposti per gli sportivi; in questo campo vanno infatti molto di “moda” le diete iperproteiche, le quali apportano risultati in tempi brevi, ma consentono il recupero di tutto ciò che si è perso in tempi altrettanto brevi, oltre a causare diversi danni all’organismo se seguite per tempi prolungati.

Un’alimentazione corretta e sana prevede il giusto apporto di carboidrati (prima, durante e dopo la gara), di proteine e di grassi. Di fondamentale importanza per ottenere le massime prestazioni è che il corpo sia adeguatamente idratato, quindi oltre ai macronutrienti, l’acqua è un elemento fondamentale in campo sportivo. Un tessuto corporeo disidratato è un tessuto che non sta svolgendo al massimo le sue funzioni.

La quantità di ognuno dei macronutrienti è da valutare insieme a figure professionali esperte (biologo nutrizionista, medico, dietista), perché non esiste una dieta ottimale per tutti gli atleti, ma varia in base al tipo di sport praticato, alla frequenza degli allenamenti e al tipo di allenamento svolto e alla necessità o meno di intervenire su peso e composizione corporea. Solo queste figure professionali sono in grado e possono fornire consigli alimentari.

Il piano alimentare stilato per un atleta deve:

  • Rispettare gli standard nutrizionali, deve quindi essere equilibrato e bilanciato;
  • Essere individualizzato, cioè basato sul fabbisogno giornaliero di energia;
  • Risultare adattabile, soprattutto a chi pratica sport i cui allenamenti sono molto diversi (in termini ad esempio di tipologia e di quantità).

Durante una visita nutrizionistica potrai conoscere la tua composizione corporea e valutare l’andamento dei tuoi allenamenti, riceverai i consigli alimentari che ti permetteranno di migliorare le tue prestazioni sportive e potrai richiedere l’elaborazione di un piano alimentare adatto alla tua attività fisica.